CIP

Questo glossario si riferisce principalmente a miscelatori di polveri, miscelatori-essiccatori sotto vuoto, reattori di sintesi, agglomeratori e fermentatori.

Il CIP (Cleaning In Place) è un processo di pulizia delle apparecchiature di processo. La definizione e l'obiettivo del CIP possono essere descritti come segue: Produrre superfici interne pulite di un impianto di produzione senza alcuna modifica significativa alle attrezzature necessarie per la produzione. A seconda della pressione dell'acqua durante la pulizia, si distingue tra pulizia a bassa pressione (fino a 3 bar), pulizia a media pressione (fino a 10 bar) e pulizia ad alta pressione (25-65 bar). Molti produttori di apparecchiature preferiscono parlare di "lavaggio in loco" (WIP).

Nella maggior parte dei casi, la pulizia viene effettuata con acqua di lavaggio. Gli impianti di produzione più grandi non possono essere semplicemente smantellati. A questo proposito, la pulizia avviene sul luogo di installazione. Questa pulizia a umido viene definita "lavaggio in loco" (WIP). La pulizia può essere manuale, semiautomatica o completamente automatica. In quest'ultimo caso, si parla di un sistema di lavaggio in loco.

Il lavaggio in loco (CIP) pone requisiti più elevati al processo di pulizia. CIP suggerisce che dopo il processo CIP il sistema è pronto per il successivo avvio della produzione. In definitiva, tuttavia, entrambi i termini, WIP e CIP, non sono chiaramente definiti. Le delimitazioni del servizio, la manipolazione preparatoria e le attività di post-lavorazione devono sempre essere descritte con precisione: 1) I requisiti igienici sono definiti in modo diverso in ogni azienda. 2) Quasi tutti gli impianti di produzione sono progettati individualmente.

Gli ugelli di lavaggio rotanti sono molto diffusi. Essi traggono la loro energia di rotazione dall'acqua che scorre attraverso l'ugello. I miscelatori di polvere vengono puliti con il metodo a bassa pressione (pressione dell'acqua da 2 a 3,5 bar circa) o a media pressione (pressione dell'acqua fino a 10 bar). Gli ugelli dell'acqua di lavaggio devono essere progettati in modo adeguato in base alla pressione e alla portata. Se, ad esempio, un ugello a bassa pressione venisse azionato con una pressione dell'acqua elevata, l'acqua di lavaggio verrebbe solo nebulizzata. L'effetto pulente sarebbe minimo. Gli ugelli di lavaggio a media pressione hanno un azionamento rotativo separato (elettrico o pneumatico).

Spesso l'uso di detergenti può essere evitato se si aumenta la temperatura dell'acqua di lavaggio. Anche l'aumento della pressione dell'acqua di lavaggio può migliorare l'efficienza del lavaggio.

I fattori di successo per una pulizia ad umido efficiente sono:

Evitare la contaminazione,

  • scelta di un sistema di miscelazione particolarmente adatto
  • funzionamento ottimizzato del miscelatore
  • metodo ottimizzato di aggiunta del liquido operazioni multi-fase abili agitazione minima e apporto di energia durante la miscelazione
  • minimo accumulo di calore durante il processo di miscelazione
  • breve tempo di miscelazione


Design igienico sofisticato
Temperatura dell'acqua di lavaggio
Pressione dell'acqua di lavaggio
presenza di sostanze detergenti. A seconda del tipo di sporco, è possibile aggiungere all'acqua di lavaggio detergenti acidi o basici. A volte lo sporco è particolarmente ostinato. In questo caso è opportuno aggiungere schiuma e assorbire le adesioni dello sporco.

Requisiti per la progettazione del miscelatore/essiccatore sottovuoto/reattore di sintesi:

  • buona visibilità
  • porte di ispezione realizzate in modo igienico - senza spazi morti
  • bagnatura completa di tutte le
  • superfici interne da parte dei detergenti
  • ombre di spruzzatura minime
  • assenza di bolle d'aria in valvole, pompe, tubature, ugelli, guarnizioni e
  • nessun allargamento delle sezioni trasversali
  • assenza di spazi morti
  • evitare le superfici difficili da bagnare, ad esempio gli spazi stretti su guarnizioni, flange, ugelli dei serbatoi
  • completa drenabilità del sistema